Home lievitati. Non di solo pane…

Non di solo pane…

di Melania

Vorrei poterli cancellare quei giorni di cui non so cosa farmene e fermare quelli che sembrano sfuggire. Fermare la lentezza di attimi che si presentano come una leggera carezza. Sono mattine lente le mie, rotolo tra le lenzuola come fossero campi in fiore. Potrei voltarmi, afferrare quel sogno lasciato andare, oppure, lasciare che il torpore del mattino si posi sulle ciglia.
Decido di alzarmi, senza alcuna fretta, urtando praticamente ogni cosa, raccolgo i miei lunghi capelli e mi avvio verso la cucina. Ho bisogno del caffè, lo preparo tutte le mattine nella mia moka. È vecchia, l’ho presa in prestito da mia madre, ma quel caffè sa di casa, di quell’aroma intenso.
Lo verso e mi siedo in veranda. Mi siedo a terra, a piedi scalzi. Mi piace sentir il contatto con le cose. Sentire la freschezza mattutina. Da qui, vedo solo i tetti delle case, la scuola chiusa e la campanella che non suona più. 
image 
C’è una leggera malinconia, ma sa di pace. Le strade sono assolate e appena illuminate da un giorno nuovo che sta per fiorire. Aspetto che il profumo del caffè mi svegli del tutto, e con quella lentezza che mi contraddistingue scelgo gli ingredienti per la mia ricetta. Pochi e semplici, perché è di questo che ho bisogno adesso. 
image 
Formate una fontanella con la farina, aggiungete lo zucchero, il sale e mescolate. Nel frattempo, in acqua tiepida fate sciogliere il lievito, e aggiungete pian piano all’impasto. Lavoratelo e lasciate che riposi per due ore, coperto da un canovaccio. Trascorso questo tempo, con un matterello stendete l’impasto. Formate un rettangolo e cospargetelo di pesto, arrotolatelo e dividetelo in due parti. Fissatelo da un lato e velocemente formate la corona, lasciando che la parte tagliata sia rivolta verso l’alto.
A questo punto, io l’ho fatto riposare ancora mezz’ora, spolverato con le scaglie e trasferito in forno a 160º per 20 minuti.
image 
image 
image 
image 
image 

You may also like

0 commento

Tiziana 19 Giugno, 2015 - 3:33 pm

Sento già il profumo …. Bella l’ idea del pesto. Un abbraccio e buon fine settimana!!

Reply
chicchidimela 19 Giugno, 2015 - 6:01 pm

Grazie mille Tiziana, si sentiva giù per le scale che addirittura la vicina me ne ha chiesto un pó! Buon fine settimana a te cara ☺️

Reply
Simo 19 Giugno, 2015 - 8:10 pm

….eccomi, sono venuta a trovarti…e che bello qui, che bell’atmosfera si respira.. serenità, relax, tranquillità, in più tante cose belle e buone…ti seguirò da oggi anche io!
Buon fine settimana, un caro saluto

Reply
chicchidimela 20 Giugno, 2015 - 1:42 pm

Grazie mille per esser passata. È un piacere per me e tu sei la benvenuta. A presto e buon fine settimana a te

Reply
Valentina 19 Giugno, 2015 - 8:16 pm

mh.. già, che buono!
da sola o con del pomodoro fresco.. ottima ricetta casereccia, genuina e saporita!

Reply
chicchidimela 20 Giugno, 2015 - 12:51 pm

Era davvero squisito. È terminato subito e lo si può accompagnare con qualsiasi cosa. Buon fine settimana e grazie 😘

Reply
Maria Grazia 20 Giugno, 2015 - 3:54 pm

Non c’è nulla di più confortante del profumo del pane fatto in casa. Trovo che il pesto nei lievitati sia fantastico e che conferisca loro un aroma unico. Strepitosa questa treccia, Melania!
Un caro abbraccio,
MG

Reply
chicchidimela 22 Giugno, 2015 - 1:05 pm

Maria Grazia che bello trovarti anche qui, felice ti piaccia questo pane. Era davvero squisito ed è finito in un battibaleno!!! Buon lunedì cara e a presto.

Reply
patriziamiceli 21 Giugno, 2015 - 8:29 am

Che meraviglia….mi sto godendo il tuo buongiorno tiepido e profumato di cose semplici e autentiche come questo abbraccio di pane cosi buono dall’aspetto. Le tue foto mi intrappolano, mi piace la luce che sai cogliere.
Felice domenica!!!!

Reply
chicchidimela 22 Giugno, 2015 - 10:53 pm

E’ un piacere ritrovarti qui tra le mie cose semplici, in una fioca luce che prova ad illuminar un giorno giunto al termine. Come stai tu? Spero bene…buonanotte cara e a presto ☺️

Reply
maximusoptimusdominus 22 Giugno, 2015 - 3:15 pm

L’ha ribloggato su MAXIMUSOPTIMUSDOMINUS.

Reply
Alessandra 27 Giugno, 2015 - 11:38 am

Ah quella vista sui tetti, ho la sensazione che non abitiamo lontane sull’isola :)))
Quante volte ho sperato come te di poter fermare quei giorni in cui accade qualcosa che ci stimola, appassiona, affascina: che sia anche soltanto leggere un libro a cui teniamo o magari vedere una treccia di pane profumato prendere vita.
E questo pane al pesto profuma di giorni felici e di estati che iniziano.
Bellissima idea, mi piace tanto il verde che si insinua tra le pieghe! :)))
un abbraccio cara Melania

Reply
chicchidimela 27 Giugno, 2015 - 8:34 pm

Che bella notizia questa! Chissà magari un giorno avrò il piacere di conoscerti e scambiar quattro chiacchiere. Sedute davanti alle nostre acque aromatizzate (mai assaggiate ma fa tanto chic). A chiacchierare delle nuove scoperte, ingredienti nuovi, ricette collaudate e chi più ne ha più ne metta! Io ti porto una fetta di questo pane, la panna cotta ci penso tu a portarla??? ☺️☺️☺️ciao cara Alessandra! Grazie di esser passata qui da me.

Reply
Alessandra 28 Giugno, 2015 - 11:03 am

Sarebbe proprio bello!!!
Un pomeriggio al gusto di chiacchiere e ricette… credo potremmo far notte a parlare di queste cose :)))
un abbraccio al profumo di caffè (e panna cotta!). Buona domenica Melania!

Reply
Francesca 28 Giugno, 2015 - 11:56 am

Mi piace il tuo modo di descrivere. Ti soffermi sugli attimi, sui dettagli. Frasi chiare, pensieri in fila, sensazioni in primo piano. Ho gustato tutto, dal risveglio lento al pane buonissimo che accompagna il pranzo. E mi soffermo sulla sua forma: un abbraccio circolare, che si stringe intorno a un cuore, dove passa l’aria…

Reply
Sonia 11 Ottobre, 2015 - 5:21 pm

Amo i lievitati e sono stata catturata da questa tua ricetta che presto farà parte della mia cucina! Melania le tue foto sono incantevoli, e hai il dono della scrittura, leggere le tue parole è come aprire i miei pensieri, bellissimo credimi! Ti ammiro tanto!

Reply
chicchidimela 12 Ottobre, 2015 - 10:02 am

Io adoro impastare, avere le mani sporche di farina e ti assicuro che non lo dico per dire. In casa non posseggo neanche un’impastatrice, faccio tutto a mano, così come faceva la mamma.
È una di quelle sensazioni che mi regala pace, un momento tutto mio.
Le mie forse diventano parole ancor prima di diventar pensieri. Sono ricordi sopiti il più delle volte, che aspettano solo qualcuno che li tenga tra le mani.
Sono felice ti piaccia il blog, ahimè le foto qui non erano tanto curate come le ultime.
Ti abbraccio e a presto

Reply

Lascia un commento

Questo sito usa i coockie per facilitare la tua navigazione, se continui a navigare presupponiamo tu ne sia felice. Per sapere come trattiamo i tuoi dati vai al tasto "Leggi di più" Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy